Saturday, 22 August 2015 00:00

Aperture Straordinarie

A seguito di numerose richieste e segnalazioni, grazie alla tenacia di diversi giovani volontari che non si arrendono mai, grazie alla sensibilità dell'Assessorato alla Cultura della Città di Trani, grazie al parroco Don Francesco Lanotte ed alla preziosa collaborazione di Don Giorgio Del Vecchio, verranno garantiti i servizi di sorveglianza e di accoglienza turistica alla Chiesa Templare di Ognissanti.

Published in Blog
Monday, 29 June 2015 00:00

The mystery templar

THE MYSTERY TEMPLAR in Trani

-The Church of Ognissanti-

Puglia was, during the Templar region important, not only for the many harbors suitable for large ships that were in the East, but also for the fertility of its land, which allowed good harvests to send as refueling brothers fighters crusaders in the Holy Land.

Trani was one of the most important ports of Puglia has always been a crossroads of peoples and cultures of the Mediterranean and the door to the East.

It was, therefore, in the first years of life of the Order that the Templars settled along transit routes to Jerusalem, their "DOMUS" or "POST" emerged, according to the idea that the same order of warrior-monks Christianity was born, to defend and rescue the pilgrims, who went to the Holy Places.

Tradition has it that the Templars have built the church of All Saints in the first half of the twelfth century: in fact, the first evidence of the presence in Trani Knights rossocrociati is offered by Deacon Amando, the future Bishop of Bisceglie, who in his "Historia TRASLATIONIS SANCTI NICOLAI pilgrims "(" History of the transfer of the body of San Nicola Pellegrino "), reporting on the portentous fact, that during the ceremony of transfer of the body of the saint, in a completely cloudless sky, had suddenly raised from the Cathedral two columns clouds, it asserts that in this procession was also attended by the Knights of the Temple.

From old maps show that the Templars lived not far from the town: in fact in 1143 Trani had a city wall, which left "outside the walls" the Church of All Saints.

All this is confirmed by a plaque in the vicinity of access secondary right temple, containing the following inscription: "HIC REQUIESCIT Costantinus ABBAS ET MEDICUS ORATE PRO EIUS SOUL" - Here rests Constantine, abbot and doctor, pray for the soul his -. Constantine, then, was a Templar in the class of the canons, Medical and Abbot-Rector of the "Domus" Trani.

The Order of the Templars was the church of All Saints until the suppression of the Order took place in 1312 by Pope Clement V, instigated by French King Philip IV the Fair. In the years following the dissolution of the Order all the property of the Templars were transferred to other religious orders and among these particularly preferred were the Knights of St. John of Jerusalem (Knights), that it was in Trani, beyond the harbor basin eastward, they had their monastery.

From 1378 onwards the patronage of the church was owned by the families: de Justis, Castaldi, Lambertini, Rogadeo and Achonzaico. An irrefutable confirmation of that fact is made up of the coats of arms in relief, carved on the lintel of access to the sacristy.

The church of All Saints, one of the few Romanesque churches to keep intact the porch, was considered by scholars a cathedral in miniature, because it has all the elements of a cathedral but in much smaller proportions.

The image that recurs most often is related to the apse, which overlooks the harbor of Trani, while the main facade, hidden from the beautiful porch, is instead placed on Via Saints.

A preliminary observation of the tissue wall, it can easily detect a certain similarity between the church with the adjacent buildings. The entire complex was in fact composed of two buildings, rectangular, the center of which stood the church of All Saints, a place of worship that tied with the portico and the upper floor with the two buildings.

Tradition has it that the building north of the church was situated the domus Templar, once the hospital for pilgrims, refectory and dormitory for the Templars, now totally transformed into private homes. In the building to the south was the place blind alley, an open space probably used as a warehouse for food or as a stable for horses.

Inside the porch, serving to accommodate the pilgrims and to protect the beautiful sculptures of the portal, they can see two columns of granite African and a cruciform pillars that support eight vaults.

The central portal presents, you Templar, the theme of the double "of good and evil, life and death, sacred and profane, the West-East". On the left jamb there are creatures of good, the most important are: two peacocks facing, drinking the same cup, symbol of the Eucharist, a reference to the Templars who ate two and in complete silence in the same bowl as a sign of humility and the representation of Jesus Christ sitting on the throne. On the right jamb there are fantastic creatures incarnation of evil: a central female figure (Lust) with two snakes, that bite their breasts. Archivolt you can see the symbols of the evangelists (the lion - Marco; the angel - Matthew, the eagle - Giovanni; the bull - Luca). At the center stands the lamb, symbolizing the resurrection of Jesus Christ. The two leaders are occupied by fantastic figures, which, reduced to its essentials, show what they are in reality, an alpha and un'omega, literal quotation of the words uttered by Jesus in Revelation he is defining himself: I am the Alpha and the Omega, the First and the Last, the Beginning and the End.

The decoration of the door of the church of All Saints is completed with the two panels of the Annunciation, at the heart of the bezel: on the left you can see the Archangel Gabriel, tile right in the Virgin is represented in the act of spinning. At the foot of the Virgin is a prone male figure in the humble attitude of the applicant, it is bearded and wears hair cut at the nape: we know that the Templars wore a long beard and short hair; also, and above all, that the Virgin was the patron of the Order may be the hallmark of the client Templar? In semicapitello right the Archangel Michael, the warrior angel and protector of the Knights Templar, the scepter protrudes toward the center, where it bites into a dragon. In the middle you see a human face with a beard and mustache. Whether the Baphomet of the Templars? The Baphometto for the Templars was an object of meditation: the source of knowledge. It looked like a faun that was traded by the Inquisition for an image of the devil but the Templars symbolized the human ambivalence, good and evil, the masculine and the feminine, the composition of opposites.

Unlike the bezel on the left side, badly deteriorated by time, one on the right has two peacocks facing, which feed from a vine, symbol of the Eucharist.

The interior, with no transept, is typical of contemporary buildings to a basilica: three naves divided by six granite columns with capitals mostly African Corinthian. The columns are all different as regards the height, were removed from other churches, to be adapted here, in fact rest on bases different from each other.

Currently the central nave is covered by a roof with wooden trusses, the result of the last restoration of 1934. In fact like what happened to the Cathedral, the Church of All Saints was transformed in sec. XIX according to the taste of the time and, therefore, the interior was plastered and the capitals abraded to adhere stucco nineteenth century. As we stated above, in 1934 it was provided to restore the building, restoring the roof truss of the nave and the plastic elements most affected: however much abraded permasero the two semi-capitals placed on either side of the main apse.

Outside the central apse, semicircular and with conical roof with steps like the other two, it is the top decorated with a series of hanging arches, set on small shelves to human and animal figures and by a cornice carved with ornamental tendrils. Two lions, surmounted by two griffins, which sink their powerful claws into the flesh of their prey, decorate the window, whose outfit is completed by a figurative Samson, caught in the act of opening the jaws of a lion. A didactic role is entrusted to the sculptures: the lion recalls the resurrection of Christ as the cub opens eyes three days after his birth; griffin, half-lion half-eagle, is an excellent symbol of Christ, half-man half God; Samson is the figure of Christ who opens, breaks down the gates of hell to bring out the souls of the righteous.

The richness of the central contrasts with the simplicity of the other two apses, in the high bell tower stands out against the blue sky.

In medieval art it has had the prime function of mediating the relationship between man and God, through a system of signs and symbols, which notably affect the architecture, linking it inextricably to the meaning of numbers and astronomical phenomena . To astronomical phenomena, the numbers, and the golden ratio that find their nature in the Egyptian culture and to which were attributed mystical powers, divine, supernatural, is linked to the Church of All Saints.

It seems that everything, then, is not born by chance, but it manifested a clear desire, that of an unwritten history, but also for thousands of years handed down from generation to generation and found carved in these stones.

Text by Gabriele Pace Guide and Tour Leader Region Puglia

Published in Blog en
Monday, 29 June 2015 00:00

Il mistero templare

IL MISTERO TEMPLARE A TRANI

-La Chiesa di Ognissanti-

La Puglia era, in epoca Templare, regione importantissima, non solo per i numerosi porti adatti alle grosse navi che andavano in Oriente, ma anche per la fertilità della sua terra che consentiva ottimi raccolti da mandare come rifornimento ai fratelli crociati combattenti in Terrasanta.

Trani era uno dei più importanti porti della Puglia: da sempre crocevia di popoli e culture del Mediterraneo e porta per l’Oriente.

Fu, pertanto, già nei primi anni di vita dell’Ordine che i Templari stabilirono lungo le vie di transito per Gerusalemme, le loro “DOMUS” o “MANSIONI”, sorte, secondo l’idea per cui lo stesso Ordine di monaci-guerrieri della cristianità era nato, a difesa e a soccorso dei pellegrini, che si recavano nei Luoghi Santi.

La tradizione vuole che i Templari abbiano costruito la chiesa di Ognissanti nella prima metà del XII secolo: infatti la prima testimonianza della presenza a Trani dei cavalieri rossocrociati ci viene offerta dal Diacono Amando, futuro Vescovo di Bisceglie, il quale nella sua “HISTORIA TRASLATIONIS SANCTI NICOLAI PEREGRINI” (“Storia della traslazione del corpo di San Nicola Pellegrino”), riferendo sul fatto portentoso, che nel corso della cerimonia di traslazione del corpo del Santo, in un cielo completamente terso, si erano all’improvviso levate dalla Cattedrale due colonne di nuvole, asserisce che a tale processione erano presenti anche i Cavalieri del Tempio.

Dalle antiche carte risulta che i Templari dimoravano poco lontano dalla città: in effetti nel 1143 Trani aveva una cinta muraria, che lasciava “extra-moenia” la Chiesa di Ognissanti.

Il tutto ci viene confermato da una lapide murata in prossimità dell’accesso secondario destro del Tempio, contenente la seguente iscrizione: “HIC REQUIESCIT COSTANTINUS ABBAS ET MEDICUS ORATE PRO ANIMA EIUS” – Qui riposa Costantino, abate e medico, pregate per l’anima sua - . Costantino, dunque, era un Templare appartenente alla classe dei canonici, Medico e Abate-Rettore della “Domus” tranese.

L’Ordine dei Templari ebbe la chiesa di Ognissanti sino alla soppressione dell’Ordine avvenuta nel 1312 ad opera di Papa Clemente V, istigato dal re francese Filippo IV il Bello. Negli anni immediatamente successivi allo scioglimento dell’Ordine tutti i beni immobili dei Templari vennero ceduti ad altri Ordini Religiosi e tra questi particolarmente privilegiati furono i Cavalieri di San Giovanni di Gerusalemme (Gerosolimitani), che proprio a Trani, al di là del bacino del porto, verso Oriente, avevano un loro monastero.

Dal 1378 in poi il patronato della chiesa fu posseduto dalle famiglie: de Justis, Castaldi, Lambertini, Rogadèo e Achonzaico. Una conferma inconfutabile di tale circostanza è costituita dagli stemmi in bassorilievo, scolpiti sull’architrave di accesso alla sacrestia.

La chiesa di Ognissanti, una delle poche chiese romaniche a conservare intatto il portico, è stata considerata dagli studiosi una cattedrale in miniatura, perché ha tutti gli elementi di una cattedrale però in proporzioni assai più piccole.

L’immagine che più spesso ricorre è quella relativa alla parte absidale, che si affaccia sul porto di Trani, mentre la facciata principale, nascosta dal bellissimo portico, è invece posto su via Ognissanti.

Da una prima osservazione del tessuto murario, si può facilmente rilevare una certa analogia delle chiesa con gli edifici adiacenti. L’intero complesso infatti era composto da due corpi di fabbrica, di pianta rettangolare, al centro dei quali sorgeva la chiesa di Ognissanti, luogo di culto che legava col portico e col piano superiore i due edifici.

La tradizione vuole che proprio nell’edificio a settentrione della chiesa era situata la domus templare, un tempo ospedale per i pellegrini, refettorio e dormitorio per i Templari, ora totalmente trasformata in abitazioni private. Nell’edificio a meridione era posto l’angiporto, uno spazio aperto probabilmente utilizzato come magazzino per le derrate alimentari o come stalla per i cavalli.

All’interno del portico, atto ad accogliere i pellegrini e a proteggere le belle sculture del portale, sono visibili due colonne di granito africano ed un pilastro cruciforme che sostengono otto volte a crociera.

Il portale centrale presenta, come traccia templare, il tema del doppio “bene-male, vita-morte, sacro-profano, occidente-oriente”. Sullo stipite sinistro ci sono le creature del bene, le più importanti sono: due pavoni affrontati, che bevono nella stessa coppa, simbolo dell’Eucarestia, un riferimento ai Templari che mangiavano in due e in rigoroso silenzio nella stessa scodella, in segno di umiltà e la rappresentazione di Gesù Cristo seduto sul trono. Sullo stipite destro ci sono creature fantastiche incarnazione del male: al centro una figura femminile (la Lussuria) con due serpenti, che le mordono le mammelle. Nell’archivolto si possono scorgere i simboli degli Evangelisti (il leone – Marco; l’angelo – Matteo; l’aquila – Giovanni; il toro – Luca). Al centro campeggia l’agnello, simbolo della resurrezione di Gesù Cristo. I due capi sono invece occupati da figure fantastiche, le quali, ridotte alle loro linee essenziali, mostrano quello che sono in realtà, un’alfa e un’omega, citazione letterale delle parole che Gesù pronuncia nell’Apocalisse definendo se stesso: Io sono l’Alfa e l’Omega, il Primo e l’Ultimo, il Principio e la Fine.

La decorazione del portale della chiesa di Ognissanti si completa con le due formelle dell’Annunciazione, poste al centro della lunetta: a sinistra si scorge l’Arcangelo Gabriele, nella formella destra la Vergine è rappresentata nell’atto di filare. Ai piedi della Vergine è prona una figura maschile nell’umile atteggiamento dell’offerente, è barbuta e porta capelli tagliati all’altezza della nuca: sappiamo che i Templari portavano barba lunga e i capelli corti; inoltre, e soprattutto, che la Vergine era la protettrice dell’Ordine: potrebbe essere il segno distintivo della committenza templare? Nel semicapitello destro l’Arcangelo Michele, l’angelo guerriero e protettore dei Cavalieri Templari, sporge lo scettro verso il centro, dove lo addenta un dragone. Al centro si vede un volto umano con barba e baffi. Che sia il Baphomet dei Templari? Il Baphometto era per i Templari un oggetto di meditazione: la fonte della conoscenza. Aveva l’aspetto di un fauno per cui fu scambiato dall’inquisizione per un’immagine del diavolo ma per i Templari simboleggiava l’ambivalenza umana, il bene e il male, il principio maschile e quello femminile, la composizione dei contrari.

A differenza della lunetta posta sul lato sinistro, gravemente deteriorata dal tempo, quella di destra presenta due pavoni affrontati, che si cibano da un tralcio di vite, simbolo dell’Eucarestia.

L’interno, privo di transetto, è quello tipico degli edifici coevi ad impianto basilicale: tre navate divise da sei colonne di granito africano con capitelli per lo più di ordine corinzio. Le colonne tutte diverse tra loro per quanto riguarda l’altezza, furono asportate da altre chiese, per essere riadattate qui, infatti poggiano su basamenti diversi tra loro.

Attualmente la navata centrale è ricoperta da un tetto a capriate lignee, frutto dell’ultimo restauro del 1934. Infatti alla stregua di quanto accadde per la Cattedrale, anche la Chiesa di Ognissanti fu trasformata nel sec. XIX secondo il gusto del tempo e, pertanto, l’interno fu intonacato e i capitelli abrasi per far aderire gli stucchi ottocenteschi. Come già affermato, nel 1934 si provvide a restaurare l’edificio, ripristinando il tetto a capriate della navata centrale e gli elementi plastici maggiormente danneggiati: tuttavia molto abrasi permasero i due semicapitelli posti ai lati dell’abside maggiore.

All’esterno L’abside centrale, semicircolare e con copertura conica a gradoni come le altre due, è superiormente abbellita da una serie di archetti pensili, impostati su piccole mensole a figure umane ed animali e da un cornicione scolpito con motivi ornamentali a tralci. Due leoni stilofori, sormontati da due grifi, che affondano i loro possenti artigli nella carne delle loro prede, decorano il finestrone, il cui corredo figurativo è completato da un Sansone, colto nell’atto di aprire le fauci di un leone. Un ruolo didascalico è affidato alle sculture: il leone richiama la resurrezione di Cristo in quanto il cucciolo apre gli occhi tre giorni dopo la sua nascita; il grifo, metà leone-metà aquila, è un eccellente simbolo di Cristo, metà uomo-metà Dio; Sansone è figura di Cristo che spalanca, rompe le porte degli inferi per farne uscire le anime dei giusti.

Alla ricchezza dell’abside centrale si contrappone la semplicità delle altre due absidiole, in alto il campanile a vela si staglia contro il cielo azzurro.

Nel Medioevo l’arte ha avuto la fondamentale funzione di mediare il rapporto tra l’uomo e Dio, attraverso un sistema di segni e di simboli, che ha influenzato in modo particolare l’architettura, legandola indissolubilmente al significato di numeri e di fenomeni astronomici. Ai fenomeni astronomici, ai numeri, e al rapporto aureo che trovano la loro natura nella cultura egizia e ai quali venivano attribuiti poteri mistici, divini, soprannaturali, è legata la chiesa di Ognissanti.

Sembra che tutto, quindi, non sia sorto per caso, ma che sia manifesta una precisa volontà, quella di una storia non scritta, ma ugualmente tramandata per millenni di generazione in generazione e ritrovata scolpita in queste pietre.

Testo a cura di Gabriele Pace Guida e Accompagnatore Turistico Regione Puglia

Riferimenti Bibliografici:

 

“I Templari – Storia e Mito dei Monaci Guerrieri” a cura dell’Associazione Obiettivo Trani, edito da Puglia Grafica Sud Bari

“L’Ordine della Milizia del Tempio” a cura dell’Associazione Obiettivo Trani

“Ecclesia Omnium Sanctorum de Trani” a cura dell’Associazione Obiettivo Trani, Casa Editrice Cacucci

“La Chiesa Templare di Ognissanti a Trani. Note di iconologia romanica” a cura della Prof.ssa Margherita Pasquale, Landriscina Editrice

“La Chiesa d’Ognissanti di Trani” a cura di Benedetto Ronchi, Ed. Schena

“La Puglia” a cura della Prof.ssa P. Belli-D’Elia, Ed. Jaca Book Milano

“La Chiesa di Ognissanti di Trani” articolo tratto da Cronache Medievali

Relazione tenuta dal Prof. Vlora su “il cielo e le sacre costruzioni” nella chiesa di Ognissanti nell’aprile 1995

Relazione tenuta da Benedetto Ronchi su “il centro storico di Trani” nella scuola media “Baldassarre” il 15-04-1978 

Published in Blog