07 Giu

Descrizione

(0 Voti)

La chiesa presenta in facciata un portale con fascia riccamente scolpita. La facciata si trova sull'omonima via interna, coperta sia dal portico esterno che da abitazioni costruite in epoche successive sopra il portico stesso.
La parte più caratteristica dell'esterno della chiesa è il retro, rivolto verso il mare, che presenta tre piccole absidi semicircolari sporgenti, la cui forma ricorda la parte posteriore della chiesa della Vallisa a Bari. Altre analogie si riscontrano tra Ognissanti e la chiesa barese, come la presenza del portico anteriore, la vicinanza al mare, il periodo di costruzione e la presenza della comunità di Ravello (la chiesa della Vallisa è anche nota come Raveddise, ovvero dei ravellesi).
L'interno della struttura è a pianta rettangolare, suddiviso in tre navate con doppio portico, per mezzo di colonne che sorreggo archi a tutto sesto. La navata centrale è coperta a capriate, mentre quelle laterali sono coperte da volte a vela. La struttura non presenta il transetto.
Le colonne che sorreggono la navata centrale sono in granito africano, stesso materiale utilizzato per due colonne esterne, con capitelli di tipo composito.
Alle navate si accede da tre portoni rettangolari, tutti sormontati da lunette con pregevoli decorazioni: sebbene la lunetta del portone destro sia troppo deteriorata, in quella della porta centrale e di quella sinistra si riconoscono rispettivamente la scena dell'Annunciazione e l'immagine di due pavoni nell'atto di cibarsi con un tralcio di vite, simbolo del sacramento dell'Eucarestia.
La chiesa ospita diverse tele artistiche tra le quali una Madonna con Bambino con influssi bizantini del XVI secolo, opera del madonnaro Rico da Candia.

Letto 5246 volte Ultima modifica il Domenica, 07 Giugno 2015 15:23

Orari di Apertura

  • chiuso per restauro

Contatti

  • Chiesa di Ognissanti
  • Via Ognissanti, 27
  • 76125 Trani (BT) - Italy 
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Rettore: Don Giorgio Del Vecchio